Ultimi argomenti
» AUGURI di FINE ANNO
Mer Dic 23 2015, 01:32 Da donato

» Una pescata sul fiume Sele con Roberto
Gio Set 19 2013, 20:08 Da donato

» mi ripresento
Sab Mar 02 2013, 10:21 Da donato

» DICONO DI ME!!!
Ven Mar 01 2013, 15:40 Da donato

» mi presento!!!
Mer Nov 21 2012, 10:31 Da donato

» Nuovo iscritto
Ven Feb 24 2012, 16:39 Da donato

» Salve a tutti
Dom Feb 12 2012, 09:34 Da donato

» ok sono nuovo
Lun Gen 30 2012, 08:02 Da ros

» Salve a tutti
Gio Ott 20 2011, 12:13 Da donato

» MAYFLY
Gio Apr 21 2011, 21:18 Da NunzioF

» LA TROTA
Lun Gen 31 2011, 09:36 Da donato

» Alcuni lanci del nostro "Amico",istruttore.
Lun Gen 24 2011, 07:32 Da donato

»  schiusa di effimere
Lun Gen 17 2011, 22:18 Da donato

» Lancio Froller
Lun Gen 17 2011, 16:36 Da donato

» Salve
Lun Gen 17 2011, 16:03 Da donato


UNA CALDA GIORNATA DI GIUGNO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

UNA CALDA GIORNATA DI GIUGNO

Messaggio  Ospite il Lun Lug 05 2010, 20:42

Una calda giornata di giugno, il torrente scorre tra due rive coperte
da una rigogliosa vegetazione. Una grossa effimera dal corpo rossiccio
avanza sull’acqua: un guizzo improvviso e l’insetto scompare. La Fario
che si guardava attorno con attenzione, si era buttata con precisione
sulla preda afferrandola. D’improvviso si sente tirare la testa con
forza da un lato, mentre qualcosa di acuminato la punge il labro
inferiore. Con un colpo di coda cerca di guadagnare il centro del
torrente, ma l’energia non è sufficiente; il suo guizzo si interrompe
bruscamente: la forza della corrente e della lenza sono superiori alle
sue possibilità. L’elasticità della canna e l’esperienza del pescatore
rendono le cose assai difficili per il nostro pesce. Girando su se
stessa, la Fario, cerca di ritornare nella buca che era sempre stato il
suo rifugio sicuro ma non vi riesce. Nasconde la testa fra i sassi, poi
deve ritornare in superficie: si gira e si rigira ancora finché esausta
si volta su un fianco come rassegnata. Poco dopo combatte ancora per
l’ultima volta, cerca di allontanarsi dalla mano bagnata del pescatore
che sta per afferrarla: per lei ormai è finita. La mano esperta del
pescatore l’afferra con delicatezza . Improvvisamente la Fario non sente
più quella fastidiosa puntura sul labbro inferiore, il pescatore
delicatamente le aveva tolto l’amo, si sente anche liberare dalla presa
della mano, rimane un attimo intontita vicino la riva e poi con un
guizzo riacquista la libertà. Ora si è fatta un po’ più furba, la
prossima volta guarderà meglio la sua preda prima di avventarsi.


Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: UNA CALDA GIORNATA DI GIUGNO

Messaggio  Ospite il Mar Lug 06 2010, 13:45

Storia scontata ma aimè bella cmq COMPLIMENTI ALDO bella idea e sopratutto bella narrazione

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: UNA CALDA GIORNATA DI GIUGNO

Messaggio  Ospite il Mar Lug 06 2010, 14:49

sciurill ha scritto:Storia scontata ma aimè bella cmq COMPLIMENTI ALDO bella idea e sopratutto bella narrazione

Fiore, ogni tanto ripenso alle mie avventure di pesca e le rivivo, alcune volte mi piace scriverle anche se sono scontate!!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: UNA CALDA GIORNATA DI GIUGNO

Messaggio  Ospite il Mer Lug 07 2010, 07:02

la mia espresione era a fin di bene ... veramente mi piace!

la parola scontata era intesa come: cosa scriviamo nelle storie? questa storia!

ciao aldo :-)

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: UNA CALDA GIORNATA DI GIUGNO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum